Pagina:Della Porta - Le commedie II.djvu/364

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
352 lo astrologo

ATTO IV.

SCENA I.

Guglielmo vecchio, solo.

Guglielmo. Ecco col favor del cielo da cosí crudel naufragio son pur gionto salvo alla patria mia. O patria, quante lacrime ho sparte ricordandomi di te! non so come sia vivo per il gran dolor che ci ho patito, veggendomi lontano da te! Or quanto devo a’ cieli, che pur dopo tante lagrime mi è concesso di rivederti! Misero me, che, volendo andar in Barbaria per saldar i conti con un mio corrispondente e vivermi il restante della mia vita ocioso e felice, ebbi a far i conti con la morte: che, sendo vicino alle sirti, fieramente percosso da una fiera tempesta e dato in quelli scogli di arena, s’aperse il legno in mille parti e fui fatto schiavo de’ mori; poi, riscattato, mi sono ricovrato nella mia patria! Onde avendo passati innumerabili travagli, posso innumerabilmente ringraziare il cielo che mi veggia salvo. Vo’ aviarmi verso la casa mia.

SCENA II.

Cricca, Guglielmo.

Cricca. (O Dio, che cosa veggio? or non è questo il vignarolo transformato in Guglielmo, la cui figura cosí perfettamente rappresenta il figurato che non saprei discernere s’egli fosse il vignarolo o il vignarolo lui?).

Guglielmo. (Veggio uno che si maraviglia del mio ritorno: forsi che, stimandomi morto, si maraviglia che cosí insperatamente gli comparisca dinanzi).