Pagina:Della geografia di Strabone libri XVII volume 1.djvu/86

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
72 ANNOTAZIONI

il nome d’Alessandro re de’ Giudei, e fu stimato valere ben cinquecento talenti. Diccsi però che il mandasse Aristobolo signor de’ Giudei (Gios., A. G. l. xiv, c. 5).

Pompeo espugnò il tempio di Gerusalemme; entrandovi i nemici, quelli fra’ Giudei che intesi erano a’ sagrificj proseguirono tuttavia il sagro loro ministero, nè il timore della morte, nè la moltitudine de’ già trucidati, potò costringerli a mettersi in fuga, poichè pensarono, checchè dovesse incoglierne lor di male, esser meglio soffrirlo a piè dell’altare che non trasgredir qualche legge. Che poi tal racconto sia una lode verace, non menzognera di religione, lo attestano quanti delle cose di Pompeo hanno scritto, tra’ quali è Strabone, e Nicolò, e dopo essi Tito Livio (Gios., A. G. l. xiv, c. 8).

Finalmente Tertuliano (De anima § 46) ci reca queste brevi parole. Mithridalem quoque ex sommo Ponti potitum a Strabone cognosco.

(67) Fabric., Bibl. graeca t.iv, p. 577, ed. Harles.

(68) Geogr. l. ii, p. 70. — Pare che Strabone meditasse anche un’opera fisica, perciocchè dicendo egli che nella geografia esaminava le opinioni di Posidonio a questa scienza spettanti, promette di considerare le altre più naturali, se pur son da curare, in altro scritto (l. ii, p. 104). (M.)

(69) Geographie der Gríechen und Roemer, aus ihren schriften, dargestellt, von M. Konrad Mannert, 1788-1812. Opera in molti tomi e non ancor compiuta.

(70) Géographie des Grecs analysée, stampata a Parigi nel 1790 - Recherches sur la géographie systematique et positive des anciens, stampata nel 1798.

(71) Il Rennell s’esercitò parzialmente sulla geografia d’Erodoto. Il titolo della sua opera è il seguente. The geographical System of Herodotus ec., by Iames Rennell, London 1800. - Si può consultare sulla istoria della geografia presso i Greci: D’Anville Géographie ancienne, Parigi 1782, 3 vol. in 12.— Iohn Blair’s History of thè rise and progress of Geographes, Londra 1784, in 8.° - Schoenemann, de Geographia Argonaularum, Gottinga 1788, in 4.° - Bredow Unlersuchungen uber Gegcnstaende der