Pagina:Di una nuova linea per la strada ferrata lombardo-veneta.djvu/1

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ANNALI UNIVERSALI DI STATISTICA, ecc. ecc.


BOLLETTINO DI NOTIZIE ITALIANE E STRANIERE E DELLE PIU’ IMPORTANTI INVENZIONI E SCOPERTE, O PROGRESSO DELL’INDUSTRIA E DELLE UTILI COGNIZIONI.

---

Fascicolo di Aprile 1837.

---

Notizie Italiane

---

Di una nuova linea per la

strada ferrata lombardo-veneta


Nelle Provincie Venete è oramai fermamente stabilita l’opinione che la linea ferrata debba riunire le quattro città di Venezia, Padova, Vicenza e Verona. Infatti quelle città formano una popolazione di 240,000 abitanti intimamente connessa dalle abitudini di parecchj secoli e dalla promiscuità economica ed amministrativa. E più di 900 mila altri abitanti sono sparsi negli altri luoghi di quelle quattro provincie, le quali così costituiscono in complesso un quarto della popolazione del regno.

Il riconoscimento universale di questa verità ristringe molto il campo della questione anche per ciò che riguarda le provincie Lombarde; giac-
chè non si tratta più di tirar linee da Milano a Venezia, ma unicamente da Milano a Verona. La fantasia così non può più vagare impazzata sul vasto piano, cercando nuove combinazioni da cui ritrarre applauso o almeno nutrimento a uno spirito metodico di contradizione.

Milano, Verona, Peschiera giacciono alla stessa latitudine; uno stesso paralello le attraversa tutte. Questo paralello forma l’asse matematico da cui misurare le deviazioni. Brescia è lontana dall’asse rettilineo circa 5 miglia astratte. Mantova ne è lontana più di 15; Cremona ne è lontana 19. Queste non sono frasi oratorie; ma sono numeri di semplice abbachino che si rilevano da chiunque esamini all’ingrosso la carta. Chi non ne vede le conseguenze, confessi di non volerle vedere.