Pagina:Diario del principe Agostino Chigi Albani I.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Nella biblioteca dell’Ecc.ma casa Chigi trovasi, inedito un importante manoscritto, autografo, in ventuno volumi di giusta mole, del Principe D. Agostino, intitolato «Memorabilia privata et publica 1801 - 1855».

La non poca fama, che godè ai suoi tempi l’autore di questo manoscritto,1 e la grande importanza degli anni, di cui si narrano gli avvenimenti, lasciano facilmente comprendere il non piccolo interesse storico di questo Diario. E interessante esso è veramente; accanto alle notizie di poca entità, ricorrono non di rado aneddoti, curiosità, pettegolezzi e fatti di ogni specie della frivola società romana di quei tempi, che ne rendono divertente e piacevole la lettura.

Avendone quindi ottenuta licenza, ed essendomene stata dal bibliotecario, prof. Giuseppe Cugnoni, gentilmente favorita una copia, trascritta di suo pugno, mi accingo a pubblicarne un estratto, mentre da queste pagine mando a lui il mio vivo ringraziamento. Per ragioni, che sarebbe troppo lungo ad esporre, ho creduto bene di limitare il mio lavoro ai soli anni che vanno dal 1830 al 1855, specie perchè dal ’30, può dirsi, comincia per Roma e per lo Stato Pontificio quell’epoca

  1. Vedi Giuseppe Cugnoni. — Notitia — della vita e degli studi — del Principe D. Agostino Chigi-Albani — Roma, Società Editrice Cooperativa - 1893.