Pagina:Diario del principe Agostino Chigi Albani II.djvu/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A. 1849 — 70 —

tuando le chiese, luoghi pii e le abitazioni dei membri del Corpo diplomatico, per le relazioni ecclesiastiche che hanno col Pontefice, Un’altra del Ministro delle Armi ordina a tutti i militari di deporre la coccarda pontificia e prendere la tricolore italiana. — Questa mattina sì è saputo che il Gran Duca di Toscana, che da vari giorni stava a Siena, è partito improvvisamente, e si è imbarcato (dicesi) sopra un vascello inglese; non si sa ancora per dove. In seguito di ciò pare che la Toscana per il momento si unirà a ciò che si è fatto a Roma.

Domenica 11. — Questa mattina a S. Pietro è stato cantato un Te Deum, con intervento delle autorità governative e municipali, della truppa civica e di linea d’ogni arme, e con salve d’artiglieria del Castel S. Angelo. — Una notificazione pubblicata oggi annunzia la creazione dì un Comitato esecutivo responsabile ed amovibile a volontà dell’Assemblea Costituente1. — Verso sera molte persone, riunite al Caffè delle Belle Arti, fermavano le carrozze e altri legni, che erano al passeggio per il Corso, intimando che si togliessero le Livree. Il principe di Campagnano, che era in legno con parte del suoi figli, ha ricevuto simile intimazione ed il simile è accaduto ad un nostro legno.

Lunedì 12. — Questa mattina molto di buon’ora sono state rimosse in casa nostra le tre Armi, che vi rimanevano; cioè la Pontificia, quella di Toscana e quella del Senato Romano. — A S. Andrea della Valle questa mattina l’ab. Rambaldi veneto ha fatto un sermone analogo alle circostanze. — Un’ordinanza del Prefetto di polizia pubblicata oggi riprova i fatti di ieri delle Livree e ne proibisce la ripetizione.

Giovedì 15. Si è pubblicata la composizione del Ministero, che è la seguente: Presidente e Istruzione Muzzarelli, Interno Saffi, Estero Rusconi, Giustizia Lazzarini, Finanze Giuccioli, Lavori pubblici Sterbini, Guerra e Marina Campello. La presidenza di Roma e Comarca è riunita alla Prefettura di Polizia in persona del Sig. Mariani.


  1. A formare questo Comitato esecutivo venne chiamato Carlo Armellini, Aurelio Saliceti e Mattia Montecchi.