Pagina:Discorsi sopra la Prima Deca di Tito Livio (1824).djvu/253

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

da Roma, così pertinenti alle cose di dentro come a quelle di fuora, non sono ne’ presenti nostri tempi non solamente imitati, ma non n’è tenuto alcuno conto: giudicandoli alcuni non veri, alcuni impossibili, alcuni non a proposito ed inutili; tanto che, standoci con questa ignoranzia, siamo preda di qualunque ha voluto correre questa provincia. E quando la imitazione de’ Romani paresse difficile, non doverrebbe parere così quella degli antichi Toscani, massime a’ presenti Toscani. Perché, se quelli non poterono, per le cagioni dette, fare uno Imperio simile a quel di Roma, poterono acquistare in Italia quella potenza che quel modo del procedere concesse loro. Il che fu, per un gran tempo, sicuro, con somma gloria d’imperio e d’arme, e massime laude di costumi e di religione. La quale potenza e gloria fu prima diminuita da’ Franciosi, dipoi spenta da’ Romani: e fu tanto spenta, che, ancora che, dumila anni fa, la potenza de’ Toscani fusse grande, al presente non ce n’è quasi memoria. La quale cosa mi ha fatto pensare donde nasca questa oblivione delle cose: come nel seguente capitolo si discorrerà.