Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/125

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

1*24 COE

Cornison, sm. cornicione.

Corno, sm. corno — pi. i corni e le corna; che xe fato de corno, o che par de corno, còrneo; cornicolare, cornicolato; che ga corni, cornigero, cornuto; che ga taiai i corni, cornimozzo; la parte de soto del corno, boccaglia; spuntar ì comi, corneggiare; corni de le cagoie, palpi, tentacoli; — dei inseti, antenne; corno per le scarpe, calzatoia, calzatoio, corno da scarpe: — „Non posso calzare le mie scarpe senza l’aiuto della calzatoia;“ corno per i sordi, corno acustico, tromba acustica; — che se se fa batendose el. fronte, bernoccolo, cornettino, -corno, turgore; corni del ua, pampani, pampini; — dei susini, bozzacchioni; corni coi guai zerte piante se taca per i pali, sui muri, ecc. capreoli, cirri; aver sui corni, met avere stille corna, — avere in uggia; ciapar sui corni, met. prendere, togliere — e simili — uno in urto, — recarsi uno sulle corna; dar dentro i corni a qualchedun, met. abbattersi, imbattersi, o incappare in alcuno — modo che si usa generalmente quando si s’imbatte in uno che si cerca di sfuggire; esser corni in. erose, met. essere come cane e gatto, —- essere nel fuoco; far i corni, fare le corna, e met. ove trattisi di questione coniugale: fare le corna, o fare le’fusa torte: -— „La signora E., un mostricciattolo com’ è, s’ingegna a far le fusa torte al marito e ove trattisi di pratiche: voltar la punta: — „Questa volta la me ga. fato i corni, el ften no la lo ga compra de mi. = Questa volta m’ha voltato la punta, il fieno non l’ha acquistato da me;“ romper i corni, met.. dar sulle corna, — fiaccare, o rompere, o spezzare il corno, o le corna; el diavolo dove che no ’l poi meter i corni el meti la coda, v. coda.

Coroborar, va. corroborare, fortificare.

Coroder, vn. corrodere.

Coromper, va. corrompere; met. contaminare, guastare, viziare; coromper Varia, v. aria.

Corona, sf. corona, serto; de corona, coronale; corona per i morti, corona funeraria; corona de fighi suti — e simili — resta, rocchio; chi che f’a, o che vendi corone, coronalo, coroniere.

Coronai, sm. t. d’agr. ciglione, cisale.

Coronaza, sf. coroncione.

Coroneta, sf. coroncina, coronella, coronetta. » Corpazo, sm. corpaccio, corpaccione.

Corpisin, sm. corpicciolo, corpicciuolo, corpicello, corpicino, corpuzzo.

Corpo, sm. corpo, — frale — v. questa della poesia e dell’alta prosa; met. pancia, ventre; del corpo, che ga corpo, corporeo; corpo de persona m,orta, cadavere, spoglia mortale; — de bestia crepada, carogna; — del sol de la luna, ecc. disco solare, lunare, ecc.; — de un bastimento, guscio, scafo; de corpo — detto di vino: di schiena, e detto di tessuti: corputo, denso; a corpo morto, m. avv. a corpo morto, o a corpo perduto; aver tanto de corpo, avere il corpo a gola: — „La Maria è appena in sei mesi ed ha già il corpo a gola;“ corpo, — corpo del oca, — corpo de quel can, infer. perdinci, cospetto di Bacco, minchioni; corpo, e fora, inter. corpo e fuori;., corpo de quel Cristo, m. plebeo, corpo di me, del diavolo, d’un cane; andar., o no andar regolarmente de corpo, avere, o non avere il beneficio del corpo; aver, o no aver fià in corpo, met. avere, o non avere fiatò in corpo.; fcarse in corpo, cacciarsi, o mettersi in corpo; mover el corpo, met. ammollare, o solvere il ventre; esser do corpi e un anima, prov. essere pane e cacio, o tutti pane e cacio, — essere due anime in un nocciuolo, — apparire, -essere, mostrarsi tutto fiori e baccelli.; no restar fià in corpo, met. non rimanere fiato in corpo; dar l’anima e el corpo per qualchedun, v. anima.

Corporadura, sf. corporatura.

Corporazion, sf. corporazione.

Corpusdomine, sm.. corruzione del latino, — Corpus domini.

Corsa, sf. corsa; rincorsa; de tuta corsa, m. avv, a tutta corsa, di gran corsa; ciapar la corsa, darsi a correre, pigliar la corsa.