Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/349

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


R



R, diciassettesima lettera dell’alfabeto; pronunciasi erre e si fa tanto maschile quanto femminile. — R, in capo alle ricette significa: Recipe, voce latina che vale: prendi. — Raddoppiato: R. R. vale reverendi; RR. PP. Reverendi padri; R I. P. Riposa in pace. — S. P R. M. Sue proprie riverite mani; parlar col ere, rotacismo.

Rabia, sf. adiramento, collera, corruccio, cruccio, ira, izza, livore; ràbbia, rabidèzza, rovello, sdegno, stizza; arrabbiamento, arrabbiatura; con rabia, arrabbiatamente: — .Gettò lungi da sè arrabbiatamente il foglio;“ rabia dei cani, idrofobia; sciopar (sciopar) de la rabia, met. affogare di, o dalla rabbia, — arrovellarsi, — non veder dalla rabbia.

Rabiada, sf. arrabbiamento; ciapar una rabiada, arrabbiarsi, arrovellarsi, incollerirsi.

Rabiado, agg. arrabbiato, corruccioso, incollerito, iracondo, irato, sdegnoso stizzito; idrofobo; un poco rabiado, arrabbiateli; far finta de esser rabiado, pigliare il bufonchiello.

Rabiar, vi. e vn. adirare, arrabbiare sdegnare, — muovere ad ira; poet. irascere (Sannazzaro); vnp. adirarsi arrabbiarsi, — alzare i mazzi, — salire in ira, o in bizza.

Rabin, sm. rabbino; agg. iracondo, litigioso, rabbioso, rabino, stizzoso.

Rabiosa, sf. v. met. acquarzente, acquavite.

Rabiosazo, sm. rabiosaceio.

Rabiosezo, sm. ira, iritabilità, livore, rabbia, rovello, stizza.

Rabioso, agg. adiroso, arrovellato, .collerico, iroso, stizzoso; idròfobo; deghe zo che ’l xe rabioso, loc. prov. agli zoppi grucciate, — al mal fagli male, — essere piovuto sul bagnato.

Rabrividir, vm abbrividare, abbrividire, rabbrividare, rabbrividire; raccapricciare.

Racapezar, vn. raccapezzare.