Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/387

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
SOA - 886 — SCH

Scavezada, sf. schiantatura, schianto, stiantatura.

Scavezar, va, rompere, scapezzare, scavezzare, spezzare; schiantare, stiantare: — „Il fulmine stiantò la vetta del nostro superbo cipresso;“ scavezado in colomba, met, sbilenco.

Scavezo, sm.. acquerello, giunta, vinello.

Scenza, sf. (scenza) scheggia; schiappa, stiappa; sverza; scenze inter. cospettaccio, cospetto, perdinci, potenziterra — e simili.

Scenziada, sf. scheggiatura; rinverzatura.

Scenzar, va. (seenzar) scheggiare; scìenzar un. pavimento, rinverzarlo.

Scenzeta, sf. (scenzeta) schegginola, scheggiuzza.

Scenzona, sf. (scenzona) scheggione.

Scenzoso, agg. (scenzoso) scheggioso

Scotamente, ’avv. (scetamente) schiettamente,. — con ischiettezza; candidamente, lealmente..

Sceteza, sf. (sceteza) schiettezza.

Sceto, agg. (sceto) modesto; pulito; puro; schietto; sceto o col late? v. late.

Scheletro, sm. scheletro; met. carcame: — „Trovarono il carcame del capriuolo ferito questa primavera;“ catriosso: — „Quel catriosso sembra la morìa;“ ridotto come uno scheletro: scheletrito: — „L’ abuso de’ liquori lo ha inebetito e scheletrito;“ esser, o parer un scheletro, met. essere .secco e sparuto, — essere, o parere uno scheletro, — essere magro arrabbiato, o arrovellato, o strinato.

Schena, sf. dorso, dosso, schiena; schena. de la man, dorso della mano; — de carega, appoggiatoio, spalliera; — de un libro, costola, o dorso; — de cortei, sabola, e simili: costola; — de porco, arista; butar, o srnacar drio schena, stramazzare supino; voltarghe la schena a un, met. voltare le reni a quel tale; a schena de cavai, m. avv. a schiena d’asino; co la schena, drio schena, o su la schena', riverso, rovescione, rovescioni: — „El xe cascò drio schena e el se ga roto la testa. = È caduto riverso, o rovescione, o rovescioni, e s’è rotta la testa;“ su la schena, supino: — „ Suole dormir supino;“ lavor de schena, lavoro di schiena; fil de la schena, v. fil; meter la schena al muro, v. muro.

Schena, agg. impettito; andar, o caminar, o portarse schenà, andare pettoruto, impecorirsi.

Schena), sm, schienale; appoggiatoio, spalliera.

Schenaza, sf. schienaccia.

Schermo, sm. mar. scarmo; fra stropi e schermi, met. fra ugioli e barugioli: — „Fra ugioli e barugioli ha ricavato il suo.“

Scherzada, sf. celia, scherzamento, scherzo.

Scherzar, va. burlare, celiare, minchionare, motteggiare, ruzzare, scherzare, scherzeggiare.; chi che- scherza, scherzatore; no scherzar, met. non mondar nespole: — „Io lavoro.ma anch’ egli non monda nespole;“ no esser de scherzar, met. non essere di prendersi a gabbo: — „Le minaccio di colui non son daprendersi, a gabbo;“ e no esser de scherzar — con chi facilmente s’adira: averne — quel tale — pochi degli spiccioli e meno da spicciolare; no bisogna scherzar, m. prov. non ischerzar coli’ orso, se non vuoi esser morso; scherza coi fanti e lassa star i santi,, v. fante.

Scherzeto, sm. scherzetto, e come vilifìcativo: scherzucciaccio, scherzuccio; quel scherzeto, o quel bel scherzeto, mei. quel giuoco:— «Voi ridete, voi; ma a:me quel giuoco eosta caro.“

Scherzo, sm. baia, billera, burla, celia, motteggio, scherzo; bruto scherzo, met. mal giuoco; scherzo cativo, bischenca; scherzo ofensivo, biscazzo; no esser, un scherzo, o no esser miga un scherzo — s’usa per indicare cose che son di momento, o cose che non sieno da disprezzarsi: non essere roccia: — „Non son già roccia tutti que’ codici!“ — „Anco alcune migliaia di fiorini non sarebber roc-