Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/389

Da Wikisource.
SCH - 388 - SCI


Schizeto, sm. schizzatoiata: — „ Portami una schizzatoiata di quel miscuglio;“ schizzatolo, schizzetto: — ^Schizzatolo di stagno o d’ottone ?;“ met. schizzetto: — „Va alla caccia con uno schizzetto da trar a’ «orci.“

Schizignoso, agg. repugnante, ritroso, schifiltoso, schifo, schizzignoso, -schizzinoso.

Schizo, agg. camuso, simo: — „Un cosettuccio con un certo nasino camuso;“ sm. schizzo: — „Fa continuamente degli schizzi, ma non conduce nulla a termine.“

Sciabatolo, sm. (sciabatolo) ritrosa, scaricatola, trabocchetto; met, abituro, catapecchia, topaia, tugurio.

Sciafa, sciafo, sf. sm. (sciafa) ceffata, guanciata, schiaffo, stiaffo; met: ingiuria, insulto, schiaffo; sciafo dado su la boca, boccata; esser un sciafo, met. essere uno schiaffo.

Sciafizada, sf. (sciafizada) schiaffeggiamento, stiaffeggiamento.

Sciafizador, sm. (sciafizador) schiaffeggiatore.

Sciafizar, va. (sciafizar) schiaffare, schiaffeggiare.

Sciama, sm. (sciama) lisca, squama, scaglia.

Sciamada, sf. (sciamada) squamata: — „Da un po’ una squamata a que’ ghiozzi.“

Sciamar, va. (sciamar) diliscare, squamare.

Sciamazada, sf. (sciamazada) chiasso, clamore, diavolìo, fracasso, schiamazzo, stiamazzo.

Sciamoso, agg. (sciamoso) scaglioso, squamoso:

Sciamazar, va. (sciamazar) schiamazzare, strepitare.

Sciamazp, sm. (sciamazo) lo stesso che sciamazada.

Scianta, sf. (scianta) micolino, minuzzolo, nonnulla, pocolino, scamuzzolo, tritolo, zinzino; nanca una scianta, neanche biracchio, o neanche straccio, — nemmeno un tritolo, — niente affatto.

Sciantada, sf. (sciantada) crepata, morte, trapasso.

Sciantar, vn. (sciantar) v. bassa: morire.

Sciao, (scìaó) specie di avverbio, eh’ è modo di salutare altrui: addio, salve.

Sciapa, sciapin, agg. sf. sm. (sciapa) acciabattatore, acciarpatore, buono a nulla, cempenna, cerna, da poco, disutilaccio, inesperto; poponella, scagnozzo; sbercia; — de dotor, dottoruzzo; — de maestro, maestronzolo; — de prete, pretuncolo; — de sonador, strimpellatore — e così via.

Sciapinada, sf. (sciapìnada) balorderia, gofferia, imbecillità, insulsaggine, pecoraggine.

Sciarida, sf. (sciarida) dichiarazione, dilucidazione.

Sciarificado, agg. (sciarificado) chiarificato, schiarito.

Sciarimento, sm. (sciarimento) schiarimento.

Sciarir, nò. e vn. (sciarir) diradare, chiarificare, chiarire; -verificare; schiarare, dichiarare, manifestare; illuminare; sciarir la vose, rischiarare la voce; — el tempo, allargarsi il tempo, rintempire, rasserenarsi il cielo: — „Pare voglia rintempire.“

Sciassar, va...(sctassar) ruzzare, .schiassare, — andare in striazzo (Bernij.

Sciatar, vn. (sciatar) crepare, morire, schiattare; met. schiattare: — „ Quello svagolato schiattava a dover lavorare.“

Sciatica, sf. sciatica, e con maggior proprietà: ischìade. ~ “

Sciatina, sf. (sciatma) setola.

Sciavaria, sf. (sciavaria) nome generico che’ comprende tutti i paesi ove si parla lo slavo.

Sciavina, sf (sciavina)- carpita, centone, liena, sargano, schiavina, stiavina.

Sciavitù, sf. (sciavitù) schiavaggio, schiavitù; met, disagio, noia, seccatura.

Sciavo, agg.e sm. (sciavo) schiavo; slavo: sciavo duro, met. battezzato con l’agresto; esser sciavo, met. non poter disporre; essere schiavo.

Sciavon, sm. (sciavon) greco scismatico; met. croio, incivile, rozzo,