Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/425

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
soz — 424 — SPA

Sozievoleza, sf. socievoleza.

Sozievolmente, avv. socievolmente.

Sozio, sm. compagno, socio, sozio; chi ga sozio ga paron, lo stesso che chi che ga compagno ga paron, v. compagno.

Spacada, sf. spaccatura; mét. iattanza, millanteria, sfiandronata, smargiassata, spacconata, spagnolata, specchiata: — ,,Fa certe spòcchiate che se non facesse ridere farebbe pietà.“

Spacadura, sf, apertura, crepaccio, crepatura, fendimento, fenditura, fessura, fratta, scoscendimento, spaccamento, spaccatura; forra; spacco; frattura longitudinale, ch.tr. dicesi quando l’osso si rompe per lo lungo; frattura traversale, quando si rompe per traverso; frattura comminuta, quando l’osso si rompe in più pezzi, o si stritola.

Spacamonti, sm. ammazzasette, . bravaccio, cospettone, divoramonti, smargiasso,, spaccamonti, spiantamonti, tagliamonti.

Spacar, va. e vn. fendère, spaccare; met. dilapidare, scialacquare, scialare; mettersi in punto, o in falda, o in ghingheri; lussureggiare, sfoggiare: spacar cole man — legna da ardere, ecc.: tribbiare; spacar el minuto, met. spaccare il sessanta: — „Cronometro che spacca ’ regolarmente ilsessanta;“ che se poi spacar, fùsile.

Spacazochi, spacazuch, sm. spaccalegna, spaccalegne, spezzazocchi, taglialegna.

Spacio, sm. mescita: — „Ha parecchie mescite di vino e se la campa da signore.“

Spacon, sm. cospettone, millantatore, smargiasso, spaccone.

Spada, sf. spada; che ga forma de spada, spadiforme; chi che fa spade, spadaio, spadaro; spada, hot. iride germanica, ghiacciolo, giacciolo; bona spada, met. buona spada, o prima spada: — „L’ Angelini è una prima spada;“ esser messo, o meter a fil de spada, andare a fil di spada, mandare, o mettere a fil di spada; spada de do tai, met. coltello, o lama a due tagli; esser una spada, met. essere, ardito; o attivo, o destro, intraprendente, laborioso; essere un anguilla; pero spada, pera spada, o pera spadona; pesse spada, e pesse spada rosso, v. pesse; aver dove che ’l sorzo porta la spada, v, sorzo.

Spadada, sf. spadacciata, spadata, — colpo di spada.

Spadin, sm. spadino.

Spadòn, sm. spadona, spadone.

Spaduza, sf spadina, spadino, spadetta.

Spagheto, sm. spaghetto; spagheto de la scuria, codetta, frustino, mozzone, sverzino; met. battisoffia, paura, spavento, tema timore.

Spagnol, agg. e sm. iberico, spagnuolo.

Spagnolèto, sm. spagnoletta.

Spago, sm. spago; spago’ sf or zin, merlino.

Spaiàda, sf. spagliamento.

Spaiar, va. spagliare.

Spala, sf. omero, spalla; met. dorso, schiena; aiuto, sostegno; aver bone spale, met. avere buone spalle: — Individuo c’ha buone spalle: si lascierebbe anco sputare in faccia;“ essere ferrato a ghiaccio: — „ Quel dispendio per lui è una pitoccheria, ferrato com’ è a ghiaccio;“ mostrar le spale, met. dare, mostrare, volgere, voltare le spalle, — darla pe’ chiassi, — affibbiarsi le scarpette, — giocare, o menare lo spadone a due gambe; butar drio le spale, met: buttare^ o gittare dietro alle spalle, — mandarsi dietro le spalle; dir drio le spale, met. cardare, dir dietro le spalle, sonar le tabelle; esser su le spale, o viver a le spale —-di chi si sia:’ met. essere a incarico di uno, — campare alle spalle di questo, o di quello, — campare alle spalle del Crocifisso; dar spala, met. fare spalla, spalleggiare: — — .Se non m’avesse fatto spalla lui l’impresa andava a rotoli; “ guardarse le spale, met. riguardarsi le spalle; meter- le spale al muro, met. mettersi alla dura; mettere le spalle al muro; meter le spale soto, met. dar di spalla,