Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/462

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
TAI - 461 — TAM

dere; — el fien, i grani, falciare il fieno; — mietere i grani; — la testa, decapitare, decollare; — un brazo,. una gamba, amputare un braccio o una gamba; — taiar la coda, scodare: — „ Cavallo scodato.“ — „Fai scodare il tuo cane?“ taiar ala Fieschi, zucconare, tosare a cotenna: — „S’ è fatto zucconare che pare un sagrestano;“ taiado a la. Fieschi, raperino; taiar come che vien, stagliare: — ,,Staglia il pollame come se fosse polenda;“ faiarse le onge, spuntarsi le unghie; che taia la testa al toro, met. che accosta, che dà il tracollo, o che dà il tratto alla bilancia, — che taglia il nodo gordiano — tolta la similitudine dall’indissolubile nodo tagliato colla spada da Alessandro Magno nella città di Gordio; taiarse ’l naso per insanguinarse la boca, v. boca; taiar i brazi, v. brazo; taiar tabari, v. tabaro.

Taiente, agg. tagliente.

Taièr, sm. t. di cucina: tagliere, tagliero.

Taiereto, sm. taglieretto, taglieruzzo.

Taieto, sm. tagliettino.

Taio, sm. taglio: — „Il macellaio t’ha dato oggi un cattivissimo taglio.“ — S’è fatto un taglio nella mano;“ stacco, taglio: — „Uno stacco per un abito.“ — „Taglio di calzoni;“ braciola: — „Si serve d’un barbiere che gli fa ogni volta delle braciole sott’il mento;“ colta:— „Cicoria di prima colta, con delle uova sode;“ met fatta, guisa, sorte, specie: — „ Scelse un cappello di questa fatta.“ — „ Gente di tal specie non ne vò in casa mia; * taio de le penete, fenditura, o fesso dei pennini; taio longo, t. de’ macellai: polso; taio dei cortei — e simili: filo; picolo taio ne la pele, leccatura; taio fato malamente co le forfè — e simili: cincischio; ne le lame dei temperini, de lé britole — e simili — per pùderli verzer, ugnata; ne le castagne, intaccatura; farghe el taio a le castagne, castrare, o intaccare le castagne; taio sul viso, catenaccio, sfregio; — ne la trachea, chir. tracheotomia; tai de le vide, art. e mest. impanature, pani, verme della vite; taio curto, met. cazzabubbolo cazzatello, — ravanello venuto per l’asciutto, — tappo da botte; far tuto un taio — di vino, ecc. fare tutto un corpo; aver, o meter in taio, met. aver danari al buio, — aver denari per ritto, — mettere in corbona; esser tuti de un taio, met. essere della medesima pannina, — essere tutt’una zuppa e un pan molle, — esser tagliati ad una misura, — esser tutti d’una buccia; a taio, m. avv. a taglio: — ,,Cocomeri e poponi vernini, a taglio;“ de taio, di taglio: — „Arme di taglio;“ de taio — detto di bosco: ceduo; di taglio, in sul taglio: — „Bosco ceduo.“ — ..Boschi che il prossimo anno saranno in sul taglio.“

Taion, sm. taglione.

Taiuzada, sf. tagliuzzamelo; tritamento, tritatura.

Taiuzar, va. appezzettare, attagliorare; cincischiare; minuzzare, spezzettare; tagliuzzare, triturare; taiuzar co le forfè, sforbicinare.

Tal, agg. tale; taluno, uno; un zerto tal, un tal quale; tal e te qual, tale e quale, tal quale; el tal dei tali, il tal de’ tali, o il tal di tale.

Talaro, taloro, sm. tallero; met. due fiorini.

Talentazo, sm. talentacelo.

Talento, sm. talento; met. abilità, attitudine, capacità; no volerghe talento, met. non volerci studio.

Talian, agg. e sm. lo stesso che italian.

Talon, sm. t. de’ giuocatori di carte: monte.

Talpa, sf. zi. talpa, talpe — talpa europaea; met. piedaccio; ciotola, stivalaccio, — stivale- scalcagnato.

Tamarinto, sm, bot. tamarindo — tamarindus indica; tamarinto in raspo, tamarindo delle Antille.

Tambascada, sf. stampita, tantaferata.

Tambascar, va. brontolare, garrire, taroccare, — dondolar la mattèa.

Tamburazo, sm. tamburaccio.

Tamburin, sm. tamburello, tamburetto, tamburino; tamburino.