Pagina:Dizionario triestino (1890).djvu/63

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
BOC - 62 — BOI

fora de la boca dei mali, il riso abbonda nella bocca .degli stolti, o de’ pazzi; taiarse ’l naso per insanguinarse la boca, loc. prov. aguzzarsi il palo sulle ginocchia, — cercare il male per medicina, — cercare il male come i medici, — darsi l’accetta, o la scure in sul piè, — darsi sull’unghie col martello,--tagliarsi il naso per insanguinarsi la bocca, — sviar la colombaia, — tirare i sassi in colombaia, — tirare a’ suoi colombi, — tagliarsi le legna addossò, — calcitrare contro lo sprone, — cavarsi la sete, col prosciutto; andar in boca al lupo met. andare in bocca al lupo, — fuggire l’acqua sotto le grondaie; a cavai donà no se ghe guarda in boca, prov. a cavai donato non gli si guarda in bocca, — a cavai donato non si mira il pelo; aqua in boca, met. v. aqua.

Bocal, sni. boccale; bocal del pisso, orinale, pitale, vaso da notte; chi che fa, o che vendi bocai, boccalaio.

Bocaleta, sf. boccale, mezzina.

Bocaporta, sf. boccaporta, boccaporto; chiusino.

Bocaza, sf. boccaccia, bocca svivagnata.

Bocazo, sm. zi. succhiacapre, succiacapre — caprimulgus europaens.

Bocheta, sf. bocchina, bocchino, boccuccia, boccuzza; art. e mest. bocchetta, scudetto.

Bochin, sm. boccuccia; bochin del geriz — e simili - - . abboccatura, infundibolo; — de bocalete — e simili — beccuccio; — de fumar, bocchino, fumasigari; — de le bissighe, collo; bochin de zucoro, met. bocchin di miele: — „A quel bochin de zucoro no ghe va la polenta. = A quel bocchin di miele non entra la polenda;“ bocchino dà sciorre aghetti: — „Quando un giovinoto la guarda la fa l bochin de zucoro = Quando un giovane la guarda, fa il bocchino da sciorre aghetti.“

Bocolo, agg. carino, gentile, leggiadro, vezzoso; come un bocolo, m. avv. ritto ritto, subitamentef-, — senza por tempo di mezzo.

Bocon, sm. boccone, morso; el bocon del goloso, met. il bocconcino della creanza; magnar un bocon, mangiare; 0 pigliare un boccone; magnar el bocon — umile iperbole di: pranzare, o cenare; bocon per bocon, m. avv. a boccone a boccone, — a pezzo a pezzo; xe meio - un bocon in pase che.. è meglio mangiare un tordo in pace che un cappone in guerra, — vai meglio un pane con amore che un cappone con dolore; magnar in un bocon, met. mangiare in due bocconi: — „Se ’l te ciapa fra le man quél là el te magna in un bocon. = Se ti piglia fra le mani, colui ti mangia in due bocconi;“ cior el bocon fora de boca, v. boca.

Boconada, sf. boccata, boccone, morso.

Boconzin, s«fr bocconcello, bocconcino, morsellino, morsello; met. applicato a persona giovereccia e grassoccia: buon bocconcino, — bocconcino per bene, — o da frati, o da ghiotti, — bocconcino da leccarsene 1 baffi, — fonfone.

Bocuza, sf. boccuccia, boccuzza.

Bogaso, sm. lo stesso che bocaso.

Boia, sm. boia, carnefice, esecutore di giustizia, giustiziere, giustiziere, maestro di giustizia; met. crudele, spietato, tiranno; se ti ga de morir zerca un boia pratico, prov. se devi morire cerca un boia pratico.

Boìda, sf. bollimento, bollita, bollitura, bollizione.

Bòìdo, agg. bollito; fermentato.

Boidura, sf. bollitura.

Boiente, agg. bogliente; bollente; arroventato, sfavillante, rovente; incandescente.

Boier, vn. bollire; met. ribollire; cominziar a boier, grillare, sboglientare, — alzare, levare o staccare il bollore; boier che va par sora, bollire a ricorsoio, o a scroscio; far boier, boglientare; boier de la bira, del vin — e simili — fermentare; — de la calzina viva, sbulettare; sussuro del boier, croscio, o scroscio; ognidun sa cos’che boi ne la su pignata, prov. ognuno sa dove la scarpa lo stringe, — nessuno sa il sabato, se non chi lo digiuna.

Boieto, sm. bollicamento, bollili chio, bollorino.