Pagina:Don Chisciotte (Gamba-Ambrosoli) Vol.1.djvu/457

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo xl. 439

bruciato vivo. Erami noto che possedeva egli assai bene l’arabo, non solo per parlare ma anche per iscrivere in quell’idioma; tuttavia prima di aprirgli il mio cuore lo pregai che mi leggesse quel foglio facendogli credere di averlo trovato in una buca della mia nicchia. L’aprì egli e lo stette guardando per qualche tempo, indi si mise a leggere borbottando fra’ denti. Gli domandai se lo intendeva, ed egli mi rispose che lo leggea molto bene, e che me lo dichiarerebbe parola per parola purchè gli dessi penna e carta. Ebbe tosto quanto desiderava, si pose a tradurlo a poco a poco, e disse sul terminare del suo lavoro: — Quanto qui leggerete tradotto è ciò che contiene la lettera parola per parola, avvertendovi che dove sta scritto Lela Marien vuol significare Maria Vergine nostra Signora„. Prendemmo il foglio, ed era del tenore che segue:

“Quando io era bambina mio padre avea una schiava1 la quale m’insegnò nella mia lingua il rito cristiano, e molte cose mi disse di Lela Marien. Morì la Cristiana, ed io so che non andò al fuoco, ma con Alà; perchè due volte la vidi dopo la sua morte, e mi disse che fuggissi in terra cristiana a vedere Lela Marien che molto mi amava. Io non saprei in che modo andarvi, e da questa finestra ho veduto molti Cristiani, ma nessuno fuori di te mi parve cavaliere. Io sono molto bella e ragazza, ed ho molti

  1. Giovanna di Renteria di cui il Cervantes fa menzione in una sua commedia.