Pagina:Don Chisciotte (Gamba-Ambrosoli) Vol.1.djvu/533

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo xlvi. 515

intenzione. Si dee credere senza movere dubbio alcuno che in questo castello (a quanto, signor cavaliere, ne dite) tutto avvenga e proceda per via d’incantesimi; e potrebbe darsi che Sancio per arte diabolica avesse veduto quanto asserì a detrimento della mia buona fama. — Giuro per tutte le potenze del cielo e per la vita di Dulcinea, riprese don Chisciotte, che la grandezza vostra ha dato proprio nel segno, e che qualche maligna visione si affacciò a quel poveraccio di Sancio, e gli fece scorgere ciò che sarebbe stato impossibile che fosse da lui veduto senz’opera d’incantesimo; mentre io sono pienamente convinto della bontà e semplicità di questo disgraziato, e non ho bisogno della testimonianza di alcuno. — La cosa passa appunto così; e così sarà eziandio in avvenire,