Pagina:Dumas - Il tulipano nero, 1851.djvu/161

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

147

vite di ginepro non perfetta, e lasciare la fortezza e condur seco sua figlia; e così Rosa e Cornelio essere separati un’altra volta. Dio, se lasciasse troppo fare alle sue creature, forse allora finirebbe col non più riunirle.

— E allora a che prò i piccioni viaggiatori, diceva Cornelio alla giovinetta, perocchè, mia cara Rosa non sapete leggere ciò che io vi scrivessi, nè scrivermi ciò che avreste pensato?

— Ebbene, rispose Rosa, che in fondo del suo cuore temeva, quanto Cornelio la separazione, abbiamo un’ora tutte le sere, impieghiamola bene:

— Ma, mi pare, rispose Cornelio, che non s’impieghi po’ poi tanto male.

Impieghiamola anche meglio, disse Rosa, sorridendo. Insegnatemi a leggere e a scrivere; profitterò delle vostre lezioni, credetemelo, e così non saremo noi più mai separati che per nostra mera volontà.

— Oh! all’ora, esclamò Cornelio, abbiamo l’eternità dinanzi a noi.

Rosa sorrise e alzò dolcemente le spalle.

— Che volete! restare per sempre in prigione? E dopo avervi donato la vita, non potrebbe sua Altezza ridarvi la libertà? Allora torneresti in possesso dei vostri beni? E come sarete ricco? E una volta libero sdegnerete abbassare lo sguardo, quando passate a cavallo o in carrozza, sulla infima Rosa, figlia d’un carceriere, quanto dire poco meno che del boia?

Cornelio voleva protestare, e certo avrebbelo fatto di tutto cuore e nella sincerità di un’anima traboccante d’amore; ma la giovinetta lo interruppe, dimandandogli sorridendo: