Pagina:Egeria.djvu/36

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


18

9

A - N I C E.

Canzonetta.

Nice bellissima,
Nice vezzosa,
Gemma preziosa
Di questo cor,

Ornai consolami,
E rendi all’alma
La dolce calma.
Che già perde.

Senza te sentomi
Gelarmi il seno;
Ravviva almeno
Cotanto ardor.

Di Dori e Fillide
il viso è bello.
Ma non è quello.
Che mi ferì.

La gota candida,
L’occhio ridente,
Perchè non sente
Di me pietà?

La notte ombrifera
Perchè non viene?
Ah te, mio bene.
Chiamando vo;

Invano al aere
In mesti accenti
I miei lamenti
Mi spargo ognor.