Pagina:Elementi di economia pubblica.djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

elementi di economia pubblica. 265

pagni della sua fatica, fra quelli che sotto la sua direzione sudano sui pesanti vomeri al cocente raggio del sole dividere il frutto della sua industria, e ricreare le umili generazioni degli uomini nella pace e lontano dal vortice inquieto della città.

2. Sarebbe un escire dal mio istituto il qui dare i precetti fisici dell’agricoltura, i quali richiederebbero una cattedra a parte, e ben più di questa una non interrotta serie di diligenti sperienze e ricerche. Innumerabili libri sono stati scritti su questa materia, pochi sono che meritino d’essere letti, e ben più pochi che siano adattati alle comuni circostanze. Fra gli antichi, Catone, Varrone, Columella, Palladio; fra i moderni, varj in varie nazioni. Ma la maggior parte di questi hanno piuttosto osservata che tentata la natura, ed hanno piuttosto indagati gli ultimi suoi risultati che le primitive sue operazioni nel produrre i vegetabili; essendo lunghi i periodi della loro riproduzione, e moltiplici le varietà delle circostanze delle terre e dei climi. Si trovano moltiplici e contraddittorj precetti fra gli scrittori, e si è generata una diffidenza anche maggiore del bisogno ne’ coltivatori; onde quest’arte e questa scienza primogenita delle altre fu abbandonata alla cieca e lenta pratica ed alla limitata sagacità dei più rozzi agricoltori. Fra i moderni però non sono mancati eccellenti uomini, che si sono sforzati di cercare le strade generali e i più secreti processi della natura nella vegetazione. Hales nella Statistica dei vegetabili, Tull nel suo Nuovo Sistema, Home nei Principj della vegetazione, Bonnet nelle sue Osservazioni sopra l’uso delle foglie, Duhamel poi in tutte le eccellenti sue opere d’agricoltura, l’hanno assoggettata alla fisica, alla meccanica ed alla chimica; dalle quali scienze può solo acquistare la sua perfezione ed ingrandire le sue viste col mezzo dei filosofi coltivatori, per passar poi alla imitatrice pratica dei contadini, i quali dalle sole e ripetute esperienze possono essere ridotti al penoso cangiamento degli abituali loro metodi di operare.

3. Nostro scopo è solamente d’indagare i mezzi, onde l’agricoltura si perfezioni e si animi, quale influenza abbiano nell’opulenza degli Stati le diverse produzioni d’essa, qual