Pagina:Elogio della pazzia.djvu/201

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
188 elogio

ciò che v’ha di stolto nel mondo.... Dio ha giudicato conveniente di salvare il mondo colla pazzia: certamente perchè non l’avrebbe potuto salvare colla saviezza. Dio medesimo dice per bocca del profeta Isaia: Io confonderò la sapienza de’ saggi, e riproverò la prudenza de’ prudenti. L’umanità di Gesù Cristo non rende forse grazie alla Divinità d’aver nascosto ai sapienti il mistero della salute, e d’averlo rivelato ai piccoli, vale a dire ai pazzerelli, giusta la forza e l’energia del vocabolo greco? Con questa ragione possiamo ancora spiegare quella continua guerra che il Salvatore, come vedesi nel Vangelo, ha sempre fatta ai dottori della legge, agli scribi ed ai farisei, nel tempo stesso che costantemente portava le parti del volgo ignorante. Guai a voi, ei diceva, o scribi e farisei! Una tale imprecazione non significa lo stesso, che guai a voi o saggi? Finalmente il Padrone dell’Universo non soleva conversare se