Pagina:Eneide (Caro).djvu/312

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[645-669] libro vi. 271

Si son da loro indegnamente ancisi.645
Ma quanto ora vorrebbono i meschini
Esser di sopra, e povertà, vivendo,
Soffrire e de la vita ogni disagio!
Ma ’l fato il niega, e nove volte intorno
Stige odïosa li ristringe e fascia.650
     Quinci non lunge si distende un’ampia
Campagna che del Pianto è nominata;
Per cui fra chiusi colli e fra solinghe
Selve di mirti, occulte se ne vanno
L’alme, c’ha feramente arse e consunte655
Fiamma d’amor, ch’ancor ne’ morti è viva.
     Qui vider Fedra e Procri ed Erifile
Infida moglie e sfortunata madre,
Di cui fu parricida il proprio figlio;
Vider Laodamía, Pasífe, Evadne,660
E Cènëo con esse, che di donna
In uomo, e d’uomo alfin cangiossi in donna.
     Era con queste la fenissa Dido,
Che, di piaga recente il petto aperta
Per la gran selva spazïando andava.665
Tosto che le fu presso, Enea la scòrse
Per entro a l’ombre, qual chi vede o crede
Veder tal volta infra le nubi e ’l chiaro
La nova luna, allor che i primi giorni

[436-453]