Pagina:Eneide (Caro).djvu/471

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
430 l'eneide. [845-869]

Soli due vivi e per ventura intatti845
Dal nembo de la polvere, e dal fumo
Uscîr nel campo: Elènore fu l’uno,
Lico fu l’altro; Elènore, un garzone
Di prima barba, di Licinia serva
e di Meonio re nato di furto,
e sotto Troia a militar mandato
Furtivamente. E’ si trovò com’era850
Pria ne la terra lievemente armato
Col brando ignudo e con la targa al collo
Bianca del tutto, come non dipinta
D’alcun suo fatto glorïoso ancora.
Questi, vistosi in mezzo a tante genti855
Di Turno e de’ Latini, come fera
Ch’aggia di cacciatori un cerchio intorno,
Muove contra agli spiedi, incontr’a l’armi;
Mosse là ’ve più folte eran le schiere,
E certo di morire a morte corse.860
     Ma Lico in su le gambe assai più destro
Infra l’armi e i nimici a fuggir vòlto,
Giunse a le mura ed aggrappossi in guisa
Che stendea già le mani a’ suoi compagni;
Quando Turno e co’ piedi e con la spada865
Lo sopraggiunse, e come vincitore
Rampognando gli disse: E che? pensasti,

[544-560]