Pagina:Eneide (Caro).djvu/552

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[120-144] libro xi. 511

De le prede oltre a ciò di Laürento120
Gli fa gran parte. Fagli in ordinanza
Spiegar l’armi, i cavalli e l’altre spoglie
Tolte a’ nimici. Gli fa gir legati
Con le man dietro i destinati a morte
Per ordinanza del funereo rogo.125
Portar gli fa davanti a’ duci loro
L’armi ai tronchi sospese, e i nomi scritti
Degli occisi e de’ vinti. Il vecchio Acete
Che, sì com’era afflitto e d’anni grave,
Gli era appresso condotto, or con le pugna130
Si battea ’l petto, ed or con l’ugna il volto
Si lacerava, e tra la polve e ’l fango
Si volgea tutto. Ivano i carri aspersi
Del sangue de’ Latini, iva lugùbre,
E d’ornamenti ignudo, Eto, il più fido135
Suo caval da battaglia, che gemendo
In guisa umana e lagrimando andava.
Seguian le meste squadre i Teucri, i Toschi
E gli Arcadi, con l’armi e con l’insegne
Rivolte a terra. Or poi ch’oltrepassata140
Con quest’ordine fu la pompa tutta,
Enea fermossi, e verso il morto amico
Ad alta voce sospirando disse:
     Noi quinci ad altre lagrime chiamati

[78-96]