Pagina:Erodiano - Istoria dell'Imperio dopo Marco, De Romanis, 1821.djvu/140

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
136 erodiano


mente, facea di tutto per indurre i medici e i famigliari di levargli d’attorno quel vecchio. Così Severo morì più dal dolore consumato che dalla malattia. Fu quest’uomo nelle imprese militari assai più chiaro di ogni altro imperadore, non avendo nessun di loro riportato tante vittorie o civili contro i suoi nemici, o straniere contro i barbari. Morì dopo aver retto l’imperio anni dieciotto, lasciandone la successione a’ suoi figliuoli, con tal somma di denari, quanta per innanzi nessuno, e sì valorosissimo esercito da recarvi a fine ogni più azzardosissima impresa.

La prima opera del nuovo principato di Antonino fu l’uccidere gli amici del padre, e così cominciò, come suol dirsi, dallo spazzare la casa. Fece morire que’ medici che non gli aveano obbedito quando gli comandò di affrettare la morte del vecchio, insieme a loro gli ai suoi e del fratello per aver provato di riconcigliarli, e nessuno lasciò di coloro che tenuto avessero a suo padre osservanza di amicizia, o stati fossero da lui onorati. Tutti poi i generali con grandi doni e maggiori promesse esortava a persuadere i soldati che lui solo imperadore dichiarassero, e con ogni raggiro procurassero di scavalcare il fratello. Non riesci però di nulla ottenere, perchè, ricordando ogn,uno che Severo fin da fanciullo gli avea pareggiati negli onori, voleano