Pagina:Erodiano - Istoria dell'Imperio dopo Marco, De Romanis, 1821.djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
144 erodiano


guitasserò Geta. Il quale per capitale del suo imperio destinava Antiochia, o Alessandria, che di poco si diminuivano a Roma in grandezza. Cedea poi ad Antonino, delle nazioni di mezzodì i mori e i numidj, e le altre tutte sino all’oriente si serbava per se.

Essendo essi occupati in questa divisione, e gli altri tutti per mestizia fissando cogli occhi la terra, levossi su la madre Giulia, ed in tal forma parlò: Voi avete, o figliuoli miei, trovato modo di partir tra voi la terra ed il mare, e certo che la frangente acqua divide tra loro i due continenti. Ma come dividerete la madre vostra? La madre vostra infelice come sarà da voi distribuita e divisa? Squartatemi piuttosto, e, presane egual porzione, ciascun di voi presso se la sotterri, acciò, qual del mare e della terra, tal sia di me. Così parlato con molte lagrime e grida gli strignea fra le braccia, e si affaticava di riconcigliarli. Onde vinti da compassione tutti riprovarono tal consiglio, e i principi si ritirarono ne’ loro appartamenti.

Ma di giorno in giorno rifioriva tra loro più feroce l’odio e la discordia. Imperocché se si avea da fare'qualche promozione di generale o di magistrato, ciascun de’ fratelli mettea innanzi e favoriva il suo amico. Se teneano ragione, eran sempre discordi con grave danno de’ piati-