Pagina:Erodiano - Istoria dell'Imperio dopo Marco, De Romanis, 1821.djvu/174

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
170 erodiano


a’ loro battaglioni, si teneano in guardia di non esser posti nel mezzo. Giacque in quel giorno sì lunga tratta d’uomini e di giumenti, che ne fu coperto tutto il piano, e si elevarono monti di morti, e massime di camelli: onde, incespicatisi reciprocamente i combattitori, e vietati di appressarsi e vedersi da quelle sterminate altezze di affastellati cadaveri, si ritirarono a’ loro quartieri. Macrino avvedutosi, non per altra cagione Artabano con tanta pertinacia e furore combattere, se non perchè si vedea aver che fare con Antonino (che solendo i barbari non regger lungo tempo e presto venir meno, se i primi scontri non riescon loro come si erano proposti, allora all’opposto, non sapendo esser morto l’autore della guerra, induravano, e si tenean pronti a riprender la battaglia, tosto che avessero dato sesto a’ cadaveri col bruciargli) manda de’messi per far loro sapere: Che l’imperadore è morto, ed ha pagato la pena della violazione dell’alleanza e del giuramento: se essere stato da’ romani dispositori dell’imperio eletto principe: non annuire a quanto si era operato, e perciò renderebbe i prigioni e tutto ciò che loro fu tolto: desiderare che l’inimicizia si volga in amistà, e che la pace si santifichi col giuramento e colle libazioni. Letto ch’ebbe Artabano questa lettera, e informato che