Pagina:Erodiano - Istoria dell'Imperio dopo Marco, De Romanis, 1821.djvu/205

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

istoria libro vi. 201


Questa inaspettata invasione perturbò grandemente Alessandro giovinetto educato sempre tra la pace e le delicatezze della città. E perciò, sentito il consiglio degli amici, rimasero di spedirgli ambasciadori con lettere per raffrenarne in qualche modo l’audacia. Le lettere furono scritte in questa sentenza: Dover lui viver contento entro il suo regno, nè tentare cose nuove, eccitando guerre da vana speranza sollevato: si appaghi di quel tanto che gli ha posto in mano la fortuna, nè voglia arrestarne il corso col provocare i romani, che sono altra foggia di soldati che i barbari suoi vicini e attinenti. Finalmente gli si rammentavano le vittorie riportate contro di loro da Augusto, da Trajano, da Lucio, e da Severo.

Con simili lettere si dava a credere Alessandro di spaventare il barbaro re, e così ridurlo a proposizioni di pace. Ma egli, facendosene beffe, e di ferma opinione che le questioni si avessero a decidere colle armi e non colle parole, scorrea più feroce le provincie romane, ponendo tutto a saccheggio, e guasta e predata la Mesopotamia, s’inanimì a espugnare lo stesso campo romano , che sulle ripe de’ fiumi guardava i limiti dell’imperio. E uomo qual’era di natura borioso, vedendo andar le cose assai meglio che non avrebbe creduto, si erge a alle imprese le