Pagina:Erodiano - Istoria dell'Imperio dopo Marco, De Romanis, 1821.djvu/214

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
210 erodiano


dopo essersi onorati di grandissime prove di valore.

Questa gran disgrazia, non mai per innanzi sofferta, che fece mancare a un tratto tante truppe, le quali per fedeltà e gagliardìa non erano inferiori alle antiche, insuperbì maggiormente il re di Persia; e lo trasse a ripromettersi ogni cosa dalla sua prospera fortuna. Avutone poi l’avviso Alessandro che giaceva gravemente malato, o di maninconìa o per mutazione di aria, n’ebbe passione e dolore inestimabile. L’esercito però se la prese fieramente con lui, che per aver mancato e mentito la sua parola, avea mandati al macello tanti bravi soldati. Quindi egli, annojato dalla malattia nè piu potendo reggere a quel caldissimo clima, si decise a mutare aria, tanto più che già serpeggiavano le febbri per tutto l’esercito, e spezialmente si metteano mortalissime addosso a’ dalmati, i quali avvezzi sotto un cielo umido e freddo e uomini di gran pasto non sapeano tenere la bocca. Stabilì dunque di tornarsene in Antiochia, e vi chiamò eziandìo queir altro esercito, che per mezzo que’ scoscesi monti e asprissimi geli lo raggiunse tutto rotto, fracassalo e in ischeltro. Di modo che Alessandro trasse in Antiochia que’ soli soldati che avea seco, ridotti essi ancora a pochissimi. Le quali vicende furono cagione che si spandesse