Pagina:Erodiano - Istoria dell'Imperio dopo Marco, De Romanis, 1821.djvu/217

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

istoria libro vi. 213


della Dalmazia, che sono all’Italia contigui, in sì grandissimo pericolo che duopo era venisse in persona esso stesso sollecitissimamente al soccorso, e recasse seco tutto quanto l’esercito. Somiglievoli nuove lo empirono di terrore, e rattristarono sommamente que’ dalmati che con lui militavano. Era a loro assai grave vedersi vittima di doppia disgrazia, e ponendo in fascio la disfatta persiana e il presente brigantaggio tedesco, se ne sdegnavano e se la prendevano con Alessandro, la cui codardìa e poltronaggine, come avea minato gli affari di oriente, ruinarebbe, a parer loro, anche que’ di settentrione. E Alessandro stesso e i suoi amici erano in gran timore dell’Italia medesima, soprastando altra spezie di pericoli dalla guerra tedesca, che da quella di Persia. Perchè que’ popoli orientali tenuti lontani da continenti e da mari immensi, sanno appena il nome di lei; ma i tedeschi non sono dall’Italia divisi, che da quel picciolo spazio di paese, che ha nome di provincie illiriche. Spinto dunque dalla forza della necessità, fu suo malgrado costretto a intimare la partenza.

Lasciate dunque quelle truppe che credette sufficienti a difendere le frontiere, e rafforzate di guarnigione e di vettovaglie le piazze forti e i castelli, marciò con tutto il resto dell’