Pagina:Erodiano - Istoria dell'Imperio dopo Marco, De Romanis, 1821.djvu/233

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

istoria libro vii. 229


in su’ carretti, senza concedere loro neppure un servo, con ordine che per quel tratto di cammino (che stato fosse di oriente in occidente, o da mezzogiorno in Ungheria, o altro luogo ov’egli si ritrovasse) fossero fatti camminare non interrottamente di notte e di giorno, per aversegli al più presto dinnanzi; e dipoi, messigli a soffrire ogni vituperio, e spogliatigli di tutti i beni, gli condannava o alla morte o all’esiglio. Le quali crudeltà finché si restrinsero a percuotere persone private, e non si estesero fuori le loro famiglie, non faceano gran sensazione a’ popoli e alle provincie, per quella indifferenza con cui vede il volgo le disgrazie della gente ricca e felice, e pel riguardarle che fan i molti che sono di perverso e maligno carattere con occhio allegro e goditore.

Ma poiché Massimino ebbe ridotto alla mendicità molte nobilissime famiglie, gli parvero inezie non atte a soddisfare la sua cupidigia que’ beni che avea ritraiti di loro, e perciò rivolse le sue rapine agli averi del pubblico. Pertanto quanti denari erano riposti nelle casse delle comunità, o in quelle dell’annona, e quelli eziandìo destinati o a dividere tra la plebe, o a’ teatri, o a tutte altre festività, se gli aggiudicava a se stesso. Oltre ciò facea fondere e disfare le offerte tutte appese ne’ templi, le statue-