Pagina:Erodiano - Istoria dell'Imperio dopo Marco, De Romanis, 1821.djvu/264

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
260 erodiano


gli comandò di portarvisi con alcuni altri capitani, sperando che il popolo non avrebbe dissentito a’ consigli autorevoli di un suo concittadino. Accostatisi costoro alle mura, parlarono in questo modo: Comandare il loro comune sovrano che depongano le armi, e invece di nemico, lo accolgano in piena pace ed amico, e attendano piuttosto alle feste che a meschiarsi della guerra: abbino pietà della patria che, se avessero persistito, vedrebbero schiantata fin da’ fondamenti: essere in istato, se vogliono, di provedere a un rqedesimo tempo alla propria salvezza ed a quella di lei, promettendo il clementissimo principe perdono e dimenticanza di ogni trascorso, convinto phe altri e non loro han colpa di quegli scandoli. Queste e simili cose diceano ad alta voce gli ambasciatori da sotto le mura per farsi intendere, se non da tutti, almeno da quelli ch’eran su’ baluardi e nelle torri; i quali nel più gran silenzio attendevano a’ suoi detti. Per la qual cosa, temendo Crispino che quelle promesse muovessero l’instabile volgo a fare la pace, ed aprire le porte al nemico, scorrea innanzi e indietro tutte le mura, e confortava e pregava particolarmente ciascuno che stessero forti, ed osservassero la fede data al senato e popolo romano: Non vogliate, proseguia, avere a vile la bella gloria di aver