Pagina:Erodiano - Istoria dell'Imperio dopo Marco, De Romanis, 1821.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
36 erodiano


ardire cosa alcuna contro il suo principe. Non andò guari però che incorse in un altro pericolo. Eravi un soldato di nome Materno, uomo avvezzo a delitti e audacissimo. Costui disertando improvvisamente dagli accampamenti, e tratti a se parecchi altri soldati, radunò in breve una numerosa mano di gente perduta, e a prima giunta si dette a saccheggiare terre e castelli. Quindi, arricchitosi di molto denaro, ingrossò anche più la sua schiera, e largheggiando di doni, e ingolosendo col ripartire giustamente il bottino, aggiugne a darsi tuono di comandare, non una banda di ladri, ma un esercito di nemici. S’impadronì di grandi città, e, spezzate per forza le prigioni, scatenavane i detenuti, e coll’impunità e co’ benefizj gli riuniva alle sue insegne. Ponea pertanto sossopra e Francia e Spagna, ed ogni città, di cui colle armi si rendea padrone, a ferro e fuoco mandava. Mossero questi avvisi Comodo a scrivere lettere minacciose e fulminatrici a’ governatori, tacciandoli di dappocaggine, e ordinando loro di far marciare senza indugio le truppe. Risaputosi ciò da quei briganti, gli strinse necessità di consiglio ad abbandonare quei paesi, e sbandati traghettare occultamente per tragetli brevi e inusitati in Italia, ove giunti, pose loro in vista Materno più magnanime imprese.