Pagina:Esperienze intorno alla generazione degl'insetti.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
152 ESPERIEN. INT. AGL’INSETTI.

     E le faccia più care, e più gradite
     Un saporetto con che sien condite.
Però quando leggete l’Odissea
     E quelle guerre orrende e disperate,
     E trovate ferita qualche Dea,
     O qualche Dio, non vi scandalizzate,
     Che quel buon uom’ altr’intender volea
     Per quel che fuor dimostra alle brigate,
     Alle brigate goffe, agli animali
     Che con la vista non passan gli occhiali.
E così qui non vi fermate in queste
     Scorze di fuor, ma passate più innanzi,
     Chè s’esserci altro sotto non credeste,
     Per dio avreste fatto pochi avanzi;
     E di tenerle ben ragione areste
     Sogni d’infermi e fole di romanzi;
     Or dell’ingegno ognun la zappa pigli,
     E sudi e s’affatichi e s’assottigli.

E chi sa che Virgilio, Dante e gli altri toscani poeti con quelle lor favole non volessero insegnarci che le piante non sono affatto prive di senso? Io so molto bene che non v’è motivo, nè conghiettura, nè prova, nè ragione concludente, non tanto per la parte affermativa, quanto per la negativa; ma egli è anche vero che le piante si nutricano, crescono e producono seme e frutto come gli altri animali; cer-