Pagina:Esperienze intorno alla generazione degl'insetti.djvu/5

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

MIO SIGNORE.


E non ha dubbio alcuno, che nell’intendimento delle cose naturali dati sono dal supremo Architetto i sensi alla ragione, come tante finestre, o porte, per le quali, o ella si affacci a mirarle, o elleno entrino a farsi conoscere. Anzi per meglio dire sono i sensi tante vedette o spiatori, che mirano a scoprire la natura delle cose e ’l tutto riportano dentro alla ragione la quale, da essi ragguagliata, forma di ciascuna cosa il giudizio, altrettanto chiaro e certo quanto essi sono più sani e gagliardi, e liberi da ogni ostacolo ed impedimento. Onde acciocchè restino sincerati, molto spesso ci avviciniamo o ci discostiamo, mutando lume e posto a quelle