Pagina:Esperienze intorno alla generazione degl'insetti.djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
74 ESPERIEN. INT. AGL’INSETTI

ora per riferirvi. Quello stesso scorpione le di cui punture nel mese di Novembre non aveano avvelenato nè il piccion grosso, nè la pollastra, nè il cagnuolo, continuò a vivere senza cibo tutto l’inverno, serrato in un gran vaso di vetro e, del mese di gennaio, si ridusse così grullo e sbalordito che sembrava se ne volesse morire; ma arrivato al febbraio, ancorchè non avesse di che cibarsi, cominciò a ripigliar fiato e spirito bizzarrissimo con forza non ordinaria delle membra, che sempre andò crescendo; quindi avvenne che il dì 23 di febbraio, trovandomi in Pisa con la corte, deliberai di esperimentare se egli avea per ancora ripresa la velenosa e mortifera sua malizia, ed essendo per avventura venuto quella mattina a trovarmi Monsù Carlo Maurel, dotto ed esperimentato chirurgo franzese, strappò la piuma dal petto d’un piccion grosso, e nella parte di già pelata e quasi sanguinosa fece tre volte penetrar profondamente l’ago di quell’iracondo ed arrabbiato scorpione; dal che il piccion grosso cominciò subito a vacillare e con frequenti ansamenti e tremiti andava quasi balordo movendosi in giro. A sedici ore cadde, senza più potersi riavere, in terra; dove patì molte convulsioni sino alle diciott’ore, nel qual punto allungò le gambe, e le cosce intirizzate,