Pagina:Ferrario, Trezzo e il suo castello schizzo storico, 1867.djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

133

Cessole e la traduzione da lui continuata delle Epistole di Cicerone, rimasta imperfetta per la morte di quel celebre abbate. Nel 1830 vide la Toscana, Roma e Napoli; ritornato dal viaggio, s’ammogliò. Sempre indefesso negli studi scrisse nei successivi quattro anni sei tragedie, una comedia, alcune novelle, un poema in quattro canti sulla morte, cinquanta favole, dialoghi e traduzioni varie. Pose mano altresì ad un poema che intitolava: Milano riedificato, ad un’opera filosofica sulle fisionomie, della quale apparve un solo capitolo nel Raccoglitore italiano e straniero (luglio 1834); e a molte note al Vocabolario della Crusca. Cultivò altresì le lingue greca, tedesca e inglese1.

Capitolo XIV.

Cenni statistici. — Abitanti e publica amministrazione. — Mercato. — Porte e vie. — Progetti di ponti, e strada a rampe. — Idrometro. — Porto e pedaggio. — Dati geologici ed agrarj. — Malatie.


Trezzo forma al presente il XII commune del mandamento XV di Cassano d’Adda, circondario I della provincia di Milano, da cui dista 33 chilometri e 250 metri.

La popolazione ammontava nel 1866 a 3639 in-

  1. Vedi le citate Vicende della Brianza, Tom. II, pag. 294.