Pagina:Ferrero - Appunti sul metodo della Divina Commedia,1940.djvu/110

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

■ ■


L’Inferno si sente arrivare come in treno si sente arrivare una galleria. Cominciano l’ombre di due grandi muri che poi dolcemente si riabbassano fino a terra, e si rizzano su poco dopo; poi una passerella che ti dà per un momento l’impressione che la galleria cominci, poi la galleria, con la visione del paesaggio che muore nei vetri.

Nei primi due canti subito sono introdotti, a gradi, i tre piloni del poema: Dante, Virgilio e Beatrice.

Nota, l’idea di far venire Beatrice in principio (simile a quella di far comparire Penelope nei primi canti dell’Odissea) è artisticamente felicissima. Se l’avesse introdotta per la prima volta nel Paradiso Terrestre, avrebbe dato noia. Questi tre così fanno telaio per tutta la materia del poema.


PARADISO

Nel Paradiso i caratteri si stemperano. Ogni personaggio rappresenta più che un uomo un sentimento puro.

Beatrice non è diversa da San Bernardo o da San Pier Damiano.

Questo da una parte si capisce, dato che in Paradiso un carattere, ossia un insieme di aspe-

94