Pagina:Ferrero - Appunti sul metodo della Divina Commedia,1940.djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

pensiero, ma era un istinto che si inchinava sempre dinnanzi alla necessità di chiarezza, cioè all’esatta espressione.

La regola musicale che Dante tiene di conto è quella che gli viene dalla lingua. Ogni lingua ha delle esigenze e delle preferenze; ogni lingua, si potrebbe dire, è come uno strumento musicale, e come certi pezzi di violino non s’adattano al piano, così certi sentimenti che si possono esprimere in una lingua, in un’altra sono spaesati, o addirittura muoiono. Provate a tradurre le Georgiche in francese, o Verlaine in italiano.

La poesia italiana non ammette nè la mediocrità nè la debolezza. Non si adorna, come la poesia di D’Annunzio, di magnificenze verbali, di cui non è difficile trovare esempi in altre lingue; il dizionario non è per lei sorgente di eccitamenti lirici. Essa ignora il caso, sdegna la sonorità, si studia non di costruire complicati edifici verbali, quali la poesia parrebbe permettere, ma di semplificarli: è una poesia magra. Si sbaglia chi crede che la poesia italiana ami l’enfasi e la sovrabbondanza: i nostri veri poeti, Dante e Leopardi, sono duri e magri. La poesia italiana sfrutta le risorse della lingua italiana, non delle altre lingue. Non si potrebbe in francese arrivare con gli stessi mezzi agli stessi ef-

36