Pagina:Ferrero - Diario di un privilegiato, Chiantore, 1946.djvu/45

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

prodromi al diario

tevano ai fascisti di fare quanto loro pareva comodo contro gli antifascisti, senza alcuna limitazione legale.

Prima del presunto attentato vi era una censura rigorosissima; i giornali uscivano qualche volta lardellati di bianco, le sedi dei giornali antifascisti e il loro macchinario erano continuamente esposti ad assalti e distruzioni, i giornalisti antifascisti correvano il rischio di essere bastonati, olioricinati, mandati in un altra città o anche all’altro mondo, ma i giornali d’opposizione esistevano ancora, e se le squadre fasciste li bruciavano, numerose copie arrivavano ancora a destinazione, e vi erano ancora dei giornalisti che potevano esprimere le proprie idee.

Dopo, i giornali antifascisti furono soppressi, i giornalisti liberi furono mandati al confino o processati «per pederastia o per truffa».

Prima di questo attentato, se i giornali d’opposizione erano censurati vi era an-


25