Pagina:Flavia Steno - Cosi mi pare.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

21


egli si attribuisce, si possono riassumere in due affermazioni, l’una alquanto sofìstica, l’altra paradossale.

La prima è questa: La donna è nata per essere madre, e tutta la sua vita, tutto lo sviluppo delle sue energie e delle sue facoltà deve tendere unicamente a questo compito assegnatole dal destino. L’altra vorrebbe solleticare la vanità femminile, affermando che la donna, creatura di bellezza e di grazia, nata per la gioia estetica dell’uomo, non può pretendere a compito più sublime di questo: d’essere l’incantatrice.


Tutte madri? Bisognerebbe cominciare coi rivolgere il monito alla natura, che ha creato le donne sterili; alla religione, che esalta e glorifica la verginità come stato di perfezione; alla società, che ammette e tollera e tutela colla legge la cortigiana — negazione della maternità; alla morale corrente, che condanna e disonora la maternità illegittima come una vergogna.

Se la maternità fosse davvero l’unico destino della donna, ogni donna avrebbe insieme