Pagina:Fogazzaro-IdilliSpezzati-1902.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 22 —


bilmente osservato i maneggi della signorina con suo padre, perchè parlò di lei senza misericordia, come di una bambola dai capelli gialli, d'un ritratto dell’accidia sonnolenta.

Bertha difese vivacemente i suoi cari amici. Il professore Forest era molto inquieto e borbottava come un vecchio orso malcontento. Egli non osò confutare Harriet, ma disse che le sue figliuole gli dovevano di essere cortesi con i suoi amici. — Non sapevo che fossero vostri amici — disse la ragazza, impallidendo.

— Lo sono — rispose il vecchio. — Io ho molti doveri verso il signor Roberts per informazioni preziose che mi ha dato circa i gioielli siro-fenìci e penso che la sua relazione vi è tornata molto utile quando ci siamo incontrati presso Pontresna, dopo quella disastrosa discesa dal Piz Zanguard. Siete stata ben contenta, allora, di accettare...

Qui egli s’interruppe:

— Gli scialli di sua sorella, sì — disse Harriet. — Avete ragione, papà. È stato un atto magnanimo.