Pagina:Folengo - Maccheronee, vol 2, 1911 - BEIC 1820192.djvu/345

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

lessico 339


meio — miglio (pianta)

melanaza — malannaggia

melegazzus — «harundo meleghae», stelo del granturco

Membrottus — Nembrotto

menada (feva) — fava mestata

menazza — minaccia

menazzare — minacciare

menola — pesce argentino, sfirena

Mentius — Mincio. «Est quaestio quare habitantes Godium dicantur menchiones. Salvanellus hanc solvit, dicens quod menchiones non deberent dici, at mintiones, a Mintio flumine suo»

mentozzus — grosso mento

mentus — cinto

menuzzus — minuzzolo

menzonare — far menzione, ricordare, nominare

Menzus — Mincio

merda — «stercus hominis, cuius derivata quaere in Catholicon». «Nota quod poëta hoc vocabulo non utitur nisi in personam Zambelli, qui rustice loquitur»

merla (passavit Padum) — modo proverbiale analogo a quello tedesco sulla cicogna, che porta i neonati

Merlinus — «iste Merlinus est presens poëta et auctor huius voluminis». «Merlinus in adolescentia sua macaronicus»

mermoria — «villanice pro memoria»

merscalcus — maniscalco

merscaltica (ars) — mascalcia

Merzaria — Mercerie di Venezia

mescadizzi — cuoio concio in allume per far palle da gioco, staffili: loreus o lorus mescadizzi, correggia di cuoio

Meschinus — sottinteso Guerino

messedanza — miscuglio

messerus — messere, podestá

mestralus — usciere, cursore (il «ministerialis» degli Statuti mantovani)

Mesue — celebre medico arabo

metallicius — fatto di metallo

mezarola — misura da vino di due barili

mezenos — pacche di porco, pezzi di lardo bislunghi, che si traggono dal dorso del maiale bipartito

miarus — migliaio

micida — «pro homicida»

migola e migolina — briciola

minutus — scemato, svigorito

mioramenti — grosse anguille di Comacchio

miorus — migliore

misa farinae — madia

missaltibus — Che cosa saranno gli «occhis missaltibus» di cui era pieno l’«urzum» rubato da Cingar a’ frati (iv, 117)? — chiederá il lettore. Rettifico anzitutto: deve leggersi ochis; e intendere perciò una bella provvista di oche salato che i frati buongustai conservavano nella dispensa. La voce «misalta» esiste ancora in italiano

mistatem — amicizia

misterum facere — far mestieri

mistura — mischia

mitas mitadis — metá

mius — miglio

— «particula conveniens eloquio rusticano»

mocare — «nasum est purgare, dicimus etiam mocare lucernam, idest forfice obmuncare, unde Strabo: Monemus studiosos ad vistam conservandam stopinum lucernae frequenter mocare»