Pagina:Francesco Ambrosi, Trento e il suo circondario descritti al viaggiatore, 1881.djvu/137

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Distretto di Cembra 113


  Da Cembra al Doss' di Segonzano  ore 4 min. - 
  Da Cembra alla Cima del Castion per Faver  ore 2 min. 30 
  Da Cembra al Vedess per Valda e Grumes  ore 3 min. 30 
  Da Cembra al Monte Corno di Fiemme per Grauno e Capriana  ore 8 min. - 

Il Dosso di Segonzano (1540 m.), detto anche il Crozon, s’erge all’estremità orientale del Comune di Segonzano, al confine di Bedol in Pinè. Se lo ascende passando pel Santuario della Madonna dell’Aiuto e la selva di Segonzano, e dà vista sulla sottoposta valle di Pinè, non meno che tra le alpi di Non e Giudicarie. Il Castion (1525 m.) si tiene invece nella parte settentrionale del Comune di Faver. Non dà vista speciale; mentre dalle montagne di questo Comune verso Salorno, al passo detto Spinel si prospetta stupendamente la valle dell’Adige sino a Bolzano e suoi contorni.

Il Vedess, chiamato dai Tedeschi Wedegbüchel (1525 m.) sta a maestro di Grumes. Si veste di cespugli e piccoli larici, e vi si caccia la lepre, mentre avanti una cinquantina d’anni non erano rari i caprioli, e un secolo prima si cacciava anche qualche cervo. La vista n’è meschina, ma diventa spettacolosa al viandante, se si reca alla Lasta del belvedere, che non si discosta dal Vedess che per pochi passi.

Il Monte Corno (1803 m). è in Valle di Fiemme nel Distretto di Cavalese. Sorge alla destra dell’Avisio sopra il villaggio di Capriana, ed è il primo monte