Pagina:Frascherie.djvu/99

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Fascio Secondo. 99

1— — — Haec ego ludo,
Quae nec in æde sonent certantia, iudice Tarpa,
Nec redeant iterum, atque iterum spectanda Teatris.

Questo nome di Satira; perche derivò anche da’ Satiri, soliti ò a discoprire nella nudità le vergogne, od à palesar l’animo sù le labra, come inclinati al vino, che2 operta recludit, parve inventato da’ Romani, per discoprire, ò de gli altrui vitij le vergogne, ò del proprio cuore gli affetti.

Questa ingenua facultà di riprendere senza ritegno le colpe humane, sortì una fortunata, ma pericolosa licenza appresso Giuvenale, & Horatio, i quali si sentirono trarre da un intrepido instinto, à nominare specialmente i vitiosi nelle loro Satire; e benche Horatio, come in rischio di rimanerne ucciso da’ censurati, fusse da Trebatio persuaso, à tacere in quelle parole.

3— — — — — Ut sis
     Vitalis metuo, & maiorum quis amicus
     Frigore te feriat.

tuttavolta non sepp’egli ritenersene; mà conchiuse.

4Quot capitum vivunt, totidem studiorum
     Millia, me pedibus delectat claudere verba.
     Lucili ritu.


  1. Horat.
  2. Horat.
  3. Horat.
  4. Horat.