Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/292

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
286 libro quarto

     Chi senza me su per andar cammina,
ritorna addietro intra li luoghi bassi
30e non s’accorge quando egli rovina.
     — Io prego, o donna, che tu non mi lassi
— a lei risposi riverente e piano,—
ché sempre seguirò dietro a’ tuoi passi.—
     Benignamente a me porse la mano;
35e, poiché ’n alto luogo giunto fui,
che d’ogni amenitá era sovrano,
     la Temperanza con belli atti sui
io trovai quivi e con tanta maiésta,
quant’hanno i santi, dov’è il dolce frui.
     40Se ogni cosa è bella in quanto onesta,
e tutta l’onestá da lei procede,
quindi si sa quanto era bella questa.
     Ella stava a sedere in una sede.
La nova scorta appresso a lei si pose,
45non però in alto, ma giú basso al piede.
     E sette donne, adorne come spose,
stavan con lei, e d’oro le corone
aveano in testa e di fiori e di rose.
     E una un orso e l’altra avea un leone,
50legato ed ammansito con un freno;
la terza similmente un gran dragone.
     E come fa ’l cagnol che dorme in seno,
cosí le fère si stavan con loro
ed anche il drago senza alcun veneno.
     55Intorno intorno a tanto concistoro
eran tranquilli giuochi e dolce canto
di diverse persone a coro a coro.
     Perché da loro er’io distante alquanto,
cenno fatto mi fu che m’appressasse
60alla regina del collegio santo.
     Io m’appressai e le ginocchia lasse
in terra posi, ed ella anco fe’ segno
che confidentemente a lei parlasse.