Pagina:Galiani, Ferdinando – Della moneta, 1915 – BEIC 1825718.djvu/144

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
138 libro secondo


della Corte delle monete, fece nel 1617 per escludere l’invenzione del torchio che oggi usasi, la quale da Nicola Briot, suo inventore, era proposta, e fu poi portata in Inghilterra ad eseguire. In questo capo, che è certamente il piú bello di tutta quella giudiziosa operetta, v’è il carattere degli uomini simili al Poulain con tale e tanta grazia e con pennellate si vive dipinto, ch’ei merita d’essere da ciascuno appreso a mente e, nella condotta della sua vita, ai suggetti viventi, che pur troppo abbondano, comparato.

I vantaggi del torchio numerati dal Locke, tutti verissimi, sono:

I. La maggiore ugualitá nel peso delle monete; perché non si fondono ad una ad una, ma in lastre, che poi si tagliano in tanti pezzi rotondi, i quali, prima di coniarsi, si pesano e si raggiustano.

II. Liberarci dal timore delle falsificazioni. Nell’antica maniera un uomo solo conduceva l’intiera operazione, ed i conii, o sia punzoni, da lui solo erano percossi: quindi non era difficile che altri in sua casa nascostamente imitasse il conio del sovrano. Oggi sarebbe di mestieri che uno avesse in sua casa tutto quel gravosissimo torchio: altrimenti la diversitá dell’impronto discuoprirá la frode. Si possono imprimere anche gli orli, come nell’ultime nostre monete d’oro s’è fatto: il che libera dal timore del risegamento.

III. Il tempo, la spesa, gli operai sono minori; la bellezza delle monete incomparabilmente maggiore.

Del conio s’è detto assai. Tempo è di ragionar della lega che nel metallo si mette, come si dirá nel seguente capo.