Pagina:Garibaldi - Memorie autobiografiche.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
18 primo periodo.

settentrione di Montevideo, ove aspettare le deliberazioni di Rossetti coi nostri amici della capitale.

Giungemmo a Jesus Maria dopo stentata navigazione, col rischio di naufragare sulla punta di Piedras Negras, per una di quelle circostanze impreviste da cui dipende spesso l’esistenza di molti individui.

In Maldonado colla minaccia dell’arresto, e diffidente anche della benevolenza del capo politico, io, rimasto in terra per ultimare alcuni affari, avevo mandato ordini a bordo di preparare le armi. Ciò fu eseguito subito; ma successe che le armi, tolte dalla stiva ove si trovavano, furono collocate, per esser più pronte, in un camerino confinante alla bittacola.

Messi alla vela con un po’ di precipitazione, a nessuno venne in mente esser le armi in situazione da poter influire sulle bussole. Per fortuna, avendo io poca voglia di dormire, ed essendo il vento cresciuto a bufera, mi tenevo sottovento del timoniere, cioè alla destra del bastimento, osservando con occhio abituato la costa che corre tra Maldonado e Montevideo assai pericolosa per le scogliere delle sue punte.

Era la prima guardia, cioè dalle otto a mezzanotte; la notte era oscura e tempestosa. Ad un occhio abituato però a cercar la terra nelle tenebre, non era difficile di scorgere la costa, tanto più ch’essa mi appariva sempre più vicina, ad onta d’aver ordinato al timoniere un rombo che doveva allontanarci da essa.

«Orza una quarta, orza un’altra quarta,1» e credo avevo già fatto orzare più d’un intiero vento (cioè da quattro a cinque quarte) ed a mio dispetto la costa era sempre più vicina. Verso mezzanotte la guardia di prua grida «terra!» Altro che terra! In pochi minuti noi ci trovammo avvolti in orribili frangenti, ed ecco punte spaventose di scogli mostrare le orride e nere loro teste fuori dell’acqua, senza possibilità di scansarle. Il peri-


  1. Una quarta, la trentaduesima parte di tutta la circonferenza della bussola. E orza, significa andar più verso l’origine del vento, che ci spingeva verso la costa a destra.