Pagina:Gemma Giovannini - Le donne di casa Savoia.djvu/120

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
88 le donne di casa savoia

disagevole la vita, e persistè sempre a rifiutare qualunque invito e promessa di suo padre, temendo, sospettoso come era, d’incappare in qualche tradimento; e neppure si mosse quando quegli si ammalò della malattia che doveva spengerlo. Così Carlo VII morì senza riveder suo figlio, senza conoscere la nuora e la nipotina, il 22 Luglio 1461.

Luigi era sempre a Genappe quando giunsero i messaggeri che gli portavano la notizia; e fu poi tanta la sua fretta di andare a prendere possesso del potere, e così poca la premura di farvi partecipare la moglie, che egli partì senza di lei, la quale non aveva né cavalli né carrozza per mettersi in viaggio colla bambina, suggerendole di farsi prestare l’equipaggio dalla cugina Contessa di Charolais, alla quale, dopo tante obbligazioni, non aveva neppure trovato il tempo di dire addio.

E così Carlotta fu esclusa da tutte le cerimonie dell’incoronazione e dell’ingresso solenne in Parigi, ricevendo in tal modo l’avviso di quanto doveva aspettarsi dal marito anche nella prosperità. Appena quando egli si recò ad Amboise, ove da lungo tempo viveva ritirata sua madre, Maria d’Angiò, si ricordò della moglie e seco la condusse. Ad Amboise essa fu molto festeggiata ed applaudita nel suo ingresso solenne al fianco del Re, e quegli applausi e quelle feste erano proprio strappati dalla sua amabilità e dal suo fascino, giacche non era certo per blandire il Re, non amato, che le s’indirizzavano.