Pagina:Gemma Giovannini - Le donne di casa Savoia.djvu/127

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

carlotta 95

fatto della famiglia. Anzi egli provava pel Delfino una certa gelosia, del che la madre molto si affliggeva.

Nel 1473 Luigi ebbe un pensiero per la famiglia, e si decise a maritare le figlie. Sposò la maggiore, che poi si chiamò Madama Anna di Francia, e fu Reggente durante la minorità del fratello, a Pietro di Borbone, signore di Beaujeu, e Giovanna al Duca d’Orléans, a cui era promessa dalla nascita; due matrimoni fatti per appianare pretensioni ed ostacoli alla sua discendenza.

E quando nel 1481 ebbe un attacco d’apoplessia, a cui sfuggì per miracolo, egli, dopo avere al solito fatti dei pellegrinaggi a’ santuari, per ringraziamento, si recò finalmente ad Amboise, per rivedere la moglie e quel figlio che doveva pur succedergli, e che conosceva appena.

Luigi XI morì a Plessis-Tours il 30 Agosto 1483, e anche morendo ei dimostrò la sua noncuranza per la Regina, lasciando Reggente la figlia, e tutore del Delfino il marito di lei.

Carlotta, a cui egli non aveva mai dato alcun credito, la di cui anima era appassita, come fu detto, a causa della di lui trascuratezza; che non aveva alcuna esperienza negli affari, e che trovavasi in un deplorevole stato di salute, deluse con un rifiuto coloro che, dicendosi suoi partigiani, volevano nel nome di lei togliere ad Anna la Reggenza. E questo può dirsi il suo unico atto che la tolse per un momento dall’ombra in cui era intristita. Ed oscura come era vissuta, si spense