Pagina:Gemma Giovannini - Le donne di casa Savoia.djvu/502

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
402 le donne di casa savoia

torno alla sua tomba ogni dì crebbe la folla per pregarla, tanto che venne la necessità di rimuoverla e darle un posto a parte. Quando si fece ciò erano scorsi diciassette anni dalla sua morte, e aperta per causa del trasloco la cassa in cui stava rinchiusa, fu trovata la sua spoglia intatta. Collocata nella stessa chiesa in monumento separato, il concorso si accrebbe ancora, e molti asserivano che il di lei spirito, da loro implorato, aveva fatto delle grazie. Tra questi vi furono la Regina Maria Adelaide di Savoia, e la sua suocera Maria Teresa, che diceva: «Cristina è in paradiso, e mi ha già fatto delle grazie.»— Crescendo sempre la sua favorevole intercessione presso Dio, per chi la pregava, anche fuori di Napoli, furono finalmente fatte le pratiche per riconoscerla venerabile, e Papa Pio IX, udito il parere unanime della congregazione dei Riti, alla quale è affidato l’esame dei documenti che corredano tali domande, il 9 luglio 1859 sottoscriveva il tanto atteso decreto.