Pagina:Georgiche.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

15

nell’animata fisonomia giunge ad esprimerne gli affetti stessi e i pensieri; e mentre quella ricorda appena, questo per così dire raddoppia l’originale.

Supposta dunque la verità delle premesse definizioni, un traduttore che voglia esser esatto, ma non pedante, dovrà per modo d’esempio tra le edizion dell’autore quella trascegliere di più corretta lezione, ma potrà senza scrupolo o pregiudicio del pubblico non citar le varianti, e non mettere una seria importanza sopra di un verbo messo in tempo presente dal Codice laurenziano, e in futuro, o preterito dal palatino.

Consulterà con accurato esame gl’interpreti e commentatori nei passi dubbii e difficili per rilevarne il senso più naturale o più ricevuto; ma potrà dispensarsi dal render conto o far pompa di questa facil fatica, e persuadersi eziandio che un buon verso può reggere senza l’appoggio al margine di citazioni e di glosse, e che tre pagine d’erudizione non bastano a puntellarne un cattivo.

Rispetterà religioso le bellezze e le grazie o luminose, o minute del suo Prototipo, e a suo potere si studierà di renderle con esat-